Quanti post hai letto sulla SEO e su quanto sia importante scrivere bene per il tuo blog? Trovi articoli di questo tipo anche sul mio sito, ma molti ormai sono datati, quindi ho pensato di rinfrescare un po’ l’argomento: quali sono i fattori rilevanti per scrivere per la SEO nel 2018?

Ecco tutto quello che un bravo web-writer deve tenere a mente quando scrive una pagina che vuole posizionare in alto nei risultati di ricerca, + 5 consigli su come migliorare la scrittura per la SEO nel 2018.

La cosa più importante

La cosa più importante è risolvere la ricerca dell’utente. I motori di ricerca come Google hanno imparato a risolvere le ricerche degli utenti aiutandoli a trovare quello che stavano cercando (hai visto che su anche proponendo contenuti in formato diverso. Quindi nel 2018, quanto più il testo di un post risponderà alla ricerca dell’utente, aiutandolo a risolvere la sua esigenza, migliore sarà il suo rank, ovvero il posizionamento nei risultati della ricerca nel lungo periodo. Può capitare infatti che una pagina si posizioni al primo posto dei risultati di una ricerca, ma è altrettanto facile che nel giro di breve, vi si posizioni un’altra pagina che fornisce una risposta più completa alla ricerca dell’utente.

Nel 2018, lo scopo dell’utente conta più delle keyword

C’è stato un tempo in cui per migliorare il posizionamento di un sito web, si creavano diverse pagine con keyword ricorrenti in diverse declinazioni; ad esempio fotografo Roma, fotografo matrimonio, fotografo matrimoni, fotografi Roma…

Nel 2018, quello che conta per la scrittura SEO è l’obiettivo della ricerca che l’utente sta facendo.

Pochi tag, ma buoni per la SEO

Nel 2018, i tag che ancora funzionano  e continuano ad avere rilievo sono pochi, per questo è ancora più importante focalizzarsi su quelli e curarli dal punto di vista del testo e del contenuto.

  • I tag headline (H1 e H2)
  • URL: creare una URL “parlante” che includa le keyword che una persona sta cercando, è sempre una buona pratica da seguire. È buona per gli utenti che fanno una ricerca e per le persone che incollano il link della pagina sulle varie piattaforme dove la URL comunica il contenuto del link.
  • Meta Description: non ha praticamente più valore per il ranking, ma è la parte che gli utenti leggono per prima. Quando la meta description include le parole che l’utente ha cercato, questo sarà più propenso a cliccare. Più click, insieme con un livello di engagement alto, significano miglior ranking.

L’attributo image alt è rilevante non solo per le ricerche normali, ma in particolare su Google Immagini come motore di ricerca immagini che riceve una quantità di traffico importante.

Frasi ed espressioni dello stesso campo semantico

Facciamo un esempio, un titolo come “I quartieri di New York” e una pagina in cui mancano espressioni come Brooklyn, Harlem, Manhattan, Staten Island; suona strano, vero? Google apprezza sicuramente molto di più una pagina che includa i nomi dei quartieri, perché ha identificato quel testo come maggiormente rilevante per quella specifica ricerca.

In altre parole, Google ha imparato a comprendere che ad un certo tipo di testo, corrispondono una serie di possibilità semantiche e premia le pagine che sviluppano contenuti rilevanti alla ricerca dell’utente.

La user experience del testo e del contenuto è più importante che mai, ed ha a che fare con l’engagement.

Google sa distinguere quando gli utenti che finiscono su una pagina tornano subito indietro, e quando invece si trattengono, scorrono fino in fondo, passano del tempo sulla pagina e risolvono la loro ricerca. È un segno positivo e per questo, Google premia questo tipo di contenuti.

evoluzione scrittura seo 2018

Qualche consiglio per la scrittura SEO nel 2018

L’evoluzione della SEO fa evolvere e cambiare anche il modo di scrivere online. Ecco qualche consiglio per una scrittura SEO al passo con i tempi.

Metti insieme le keyword che quella pagina dovrà coprire; dovrebbe venirne fuori una lista di keyword che rispondono tutte allo stesso “bisogno”.

Fai una lista delle possibili ricerche e degli obiettivi che gli utenti a cui ti rivolgi potrebbero cercare su Google. Quando qualcuno cerca “orologi blu” – cosa sta cercando? Informazioni, possibilità di vedere diversi modelli, vorrà sapere come vengono prodotti, quanto costano, dove si possono comprare online. Questi sono gli obiettivi che hanno le ricerche.

Crea un visual layout: qui mettiamo una headline, qui un concetto principale incorniciato in un box. Il visual layout mostra visivamente come possiamo proporre quel contenuto che sia scritto oppure no.

Scrivi prima, poi rivedi e aggiungi le parole chiave fondamentali, le espressioni dello stesso campo semantico e gli argomenti che non devono mancare. È importante che la semantica di un testo sia omogenea, per questo è consigliabile una revisione dopo la prima fase di scrittura.

Crea contenuti accattivanti e che possano richiamare l’attenzione, sii utile per chi ti legge.

Nel 2018 i link contano e sono una parte importante della SEO. 

I cambiamenti introdotti dai motori di ricerca hanno cambiano il modo di scrivere per la SEO; non si tratta più soltanto di keyword e frasi, ma si tratta di creare contenuti capaci di generare un’esperienza dell’utente che trova la soluzione alla sua ricerca.

Vuoi saperne di più sull’evoluzione della scrittura per la SEO fino al 2018? Ti consiglio di guardare questo Whiteboard di SEO MOZ che è l’articolo che ha ispirato questo post: Writing for SEO in 2018. Grazie!

Share: