Senza contenuti, un sito web è come un cappotto senza bottoni. Puoi avere una giacca all’ultimo grido, ma se non serve a coprirti non ti sarà utile quando inizierà a nevicare. Così, un sito internet graficamente accattivante, ma povero di contenuti ti sarà totalmente inutile quando invece dovrebbe aiutarti a vendere il tuo prodotto o servizio che sia.

Quali contenuti non possono mancare in un sito web?

La risposta dipende certo dal tipo e dall’obiettivo di quel sito. Un e-commerce, ad esempio, avrà bisogno di contenuti diversi rispetto al sito di un’agenzia di servizi, o a un blog di settore.

Eppure, nonostante le tante differenze, esistono delle macro-categorie, ovvero delle tipologie di contenuto che in un modo o nell’altro, sono presenti in qualsiasi sito internet.

Mi piace distinguere tra contenuti statici e contenuti dinamici.  Per statici, intendo contenuti come quelli della pagina About o Contatti, oppure quelli delle Home Page all-in-one che descrivono l’azienda e via dicendo.
Per dinamici, invece, intendo la sezione del blog e delle news, dove le informazioni scorrono e cambiano più frequentemente.

Sembra la scoperta dell’acqua calda, ma ti garantisco che non è così scontato. In molti siti web, i contenuti vengono totalmente trascurati o lasciati al caso, con la conseguenza di risultare inutili e noiosi per gli utenti, e addirittura controproducenti per l’azienda o il professionista che li pubblica.

Come tutti i contenuti del web, anche quelli  statici vanno aggiornati, ottimizzati e di tanto in tanto rinnovati. Li consideriamo comunque statici, perché fanno parte della cornice che racconta chi siete, cosa fate, cosa promuovete e come lo fate.

Contenuti statici

  • Home page (solo in certi casi)
  • Pagina About
  • Pagina Contatti

Queste pagine, quasi scontate, sono tre tappe sicure della navigazione dell’utente nel tuo  sito web. Prima di un acquisto o una conversione, l’utente si chiederà chi sei e finirà sulla tua pagina About. Poi, se non l’ha già fatto, vorrà conoscerti meglio e probabilmente passerà per la tua Home Page. Infine, per saperne di più, potrebbe avere bisogno di un contatto telefonico con te o passare direttamente di persona e, mentre avrà elaborato tutto questo, sarà già sulla pagina Contatti.

In queste pagine ci giochiamo buona parte dell’attenzione e dell’interesse dell’utente. Della Home Page potremmo parlare per giorni, di come potrebbe essere organizzata e quali caratteristiche dovrebbe avere. Credo però che il requisito fondamentale di una Home Page sia la semplicità: l’utente vive un’esperienza positiva quando riesce a capire intuitivamente come muoversi all’interno dei contenuti e trovare quello che cerca in maniera facile e veloce, senza provare la “frustrazione” di non trovare quello che cerca.

Le pagine About e Contatti (così come pure una qualsiasi landing page), al netto delle metafore e dello storytelling devono saper trasportare l’utente verso un’azione e dovrebbero essere quanto più semplici e chiare possibile. Con le informazioni essenziali (per l’utente) messe in bella mostra.

Una linea di contenuti curati e appositamente studiati, oltre ad avere valore per il brand, rende il sito più fruibile e migliora l’esperienza dell’utente rendendo la navigazione un momento vissuto positivamente.

Contenuti dinamici

  • Blog/News

I contenuti che scorrono all’interno di un sito web, le nuove informazioni che si susseguono e sono per questo “dinamiche”. Sono una grande opportunità per per la SEO e per il branding: nuove pagine che si indicizzano e contenuti che finiscono nella “cassa di risonanza” dei social network. Il tutto, in una sfera semantica affine affine e sempre vicina a quello che è il core topic, ovvero l’argomento centrale e pertinente del tuo sito web.

Mi piace definirli dinamici, anche perché con questo tipo di contenuti, possiamo dare vita ad una serie di formati diversi e interessanti.

Diamo spesso per scontata l’equazione contenuto=testo, eppure non è affatto così. È ormai dimostrato che i contenuti più fruiti (e fruibili) sono immagini e video, ovvero contenuti visuali. Le immagini creano engagement sui social network, sono immediate e non richiedono un grande sforzo di attenzione (cosa che invece richiede invece un testo). I video richiedono una preparazione diversa e, sui social network, il successo dei video è sicuramente legato alla capacità di sintesi degli autori – a meno che tu non sia uno dei The Jackal, allora…sta’ senz penzier.

Sperimentare e combinare sono elementi chiave nella creazione di contenuti online. Alternare i formati, combinarli e sperimentarne gli effetti, provare formule inusuali e dare vita a contenuti nuovi e di successo all’interno della propria nicchia di riferimento.

Riassumendo: i contenuti che devi avere

Qualsiasi sito internet non potrà prescindere dall’avere contenuti curati e ottimizzati per la SEO, nonché utili e rilevanti per i propri lettori. Quando organizzi le pagine del tuo sito web, fai in modo di avere sotto controllo tutte le informazioni che metterai nella Home Page, nella pagina About e nella pagina Contatti. Non dimenticare di usare i link interni per facilitare la navigazione e divertiti con il blog sperimentando diversi formati, fino a trovare quello che piace di più al tuo pubblico.

 

Ti è mai capitato di navigare in un sito e non riuscire a trovare le informazioni che stavi cercando, e sentirti infastidito al punto di lasciare quel sito e passare ad un altro? 

Share: